Sicurezza negli stadi: riunito al Viminale il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica

Alla riunione presieduta dal ministro dell’Interno Piantedosi ha partecipato il ministro per lo Sport e i Giovani Abodi

Il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, ha presieduto una riunione del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica dedicato all’esame delle questioni inerenti la sicurezza dello svolgimento di incontri calcistici, alla luce del recente avvio della stagione calcistica 2023-2024.

 All’incontro hanno partecipato il ministro per lo sport ed i giovani, Andrea Abodi, il sottosegretario all’Interno, Nicola Molteni, i vertici delle Forze di polizia, rappresentanti degli organi di informazione e sicurezza ed i vertici delle diverse componenti dei settori calcistici professionistico e dilettantistico.

Il ministro Piantedosi ha sottolineato «l’importanza, tenuto conto delle diverse responsabilità, di un’azione condivisa delle istituzioni e di tutte le componenti del sistema calcistico per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno della violenza negli stadi e degli episodi di discriminazione razziale e territoriale, che interessano non solo i campionati delle leghe professionistiche ma anche i tornei dilettantistici e delle categorie giovanili».

«Lo sforzo del Viminale è diretto, da un lato, a prevenire comportamenti violenti, con una vigilanza anche al di fuori degli impianti sportivi, dall’altro, ad individuare e sanzionare i responsabili dei singoli episodi grazie all’intensa azione investigativa svolta dalle Forze di polizia. Per quanto riguarda il primo profilo, è unanimemente apprezzata – ha proseguito il titolare del Viminale – l’attività dell’Osservatorio nazionale per le manifestazioni sportive che, nel corso della scorsa stagione calcistica, ha esaminato più di 2600 incontri valevoli per i campionati nazionali professionistici e lega dilettanti, oltre che per competizioni di livello internazionale, adottando 162 provvedimenti interdittivi. Analogo impegno è assicurato dalle Forze dell’ordine sul piano del contrasto che ha portato, nella scorsa stagione, all’esecuzione di 150 arresti, a quasi 2700 deferimenti all’autorità giudiziaria e all’adozione di più di 2.220 daspo».

«Lungo questa duplice direzione lavoreremo anche in questa stagione calcistica, rivolgendo una particolare attenzione ai gravissimi ed intollerabili episodi di discriminazione razziale alla luce degli impegni comuni assunti con la dichiarazione di intenti sottoscritta lo scorso giugno», ha aggiunto il ministro Piantedosi, preannunciando l’intenzione, insieme al ministro Abodi, di convocare nel prosieguo analoghe riunioni per un confronto continuo e costruttivo sul tema della sicurezza in occasione delle manifestazioni calcistiche.

Fonte: Ministero dell’Interno

Add Comment